Nella vita tutti commettiamo qualche sbaglio. Ma dagli errori, talvolta, possiamo anche ricavarne qualcosa di positivo. Gli errori sono parte essenziale della nostra crescita.

Anche io, come voi, ho la mia bella collezione di errori e se avessi una DeLorean parcheggiata in garage e potessi tornare indietro nel tempo quando avevo 20 anni ci sono moltissime cose che farei diversamente. Vorrei aver rischiato di più, lottato con più tenacia o vissuto molte più avventure. 

È vero che prima di arrivare alla fatidica soglia dei 30 anni abbiamo energia da vendere ma quando diventiamo “grandi” la passione e l’entusiasmo svaniscono un po’. 

Questo è anche il momento in cui ci guardiamo alle spalle e sappiamo con esattezza cosa avremmo fatto bene e cosa avremmo fatto male. 

Ecco le 7 lezioni che potrebbero cambiare la tua vita se apprese prima dei 30 anni:

1 – Non ti verrà insegnato tutto a scuola

Devo ammetterlo, l’istruzione scolastica è un tantino sopravvalutata. Qualcuno di voi potrebbe non essere d’accordo con me ma è importante sapere che ci sono tantissime cose che imparerai fuori dall’ambiente scolastico e che saranno fondamentali nei tuoi successi di lungo termine.

Ci sono mentori come Robert Kiyosaki, James Altucher e Grant Cardone che han fatto di questo messaggio una vera e propria crociata. La verità è che solo l’auto-apprendimento ci aiuterà a raggiungere i nostri obiettivi, non il diploma e non la laurea. Ma questa è una lezione che apprenderai strada facendo prima di compiere 30 anni.

2 – Quello che pensano gli altri non conta

Le opinioni altrui non contano! L’unico pensiero che conta è solo il nostro.

Talvolta quello che tenti di fare non viene fatto secondo i metodi convenzionali ma devi tenere sempre presente che i tuoi obiettivi e le tue aspirazioni sono uniche per ciò che siamo. Tornando indietro avrei dato molta meno attenzione e dedicato meno energie e preoccupazioni alle cose che non potevo controllare, come l’opinione altrui ad esempio. 

Come dice il grande Gary Vaynerchuck: “Impara a concentrarti sui c***i tuoi

Imparerai che la luce dei riflettori non è mai stata su di te e che le altre persone hanno altro a cui pensare. Per cui perchè dare così importanza a quello che gli altri pensano o si aspettano de te?

3 – La vita è ingiusta

È un gioco senza regole oneste e non lo sarà mai. Cose belle accadono a persone non meritevoli e viceversa. Ti chiederai perchè sei stato tu la vittima così tante volte ma questo non ha importanza. 

Devi essere responsabile delle tue azioni e non lasciare mai che l’influenza delle altre persone rovini quanto di buono c’è in te. A volte nella vita il male vince sul bene e la fortuna bacia chi non se lo merita. “Shit happens!” direbbero in America! Questa è la vita.

Ciò che conta è il tuo approccio mentale, come reagisci alle brutte cose e come superi gli ostacoli temprerà il tuo carattere e farà di te una persona di impatto. Nel tuo cuore sarà sempre una vittoria.

4 – I fallimenti sono importanti per la tua crescita

Ok, nessuno a nessuno piace fallire. Quando eri piccolo ti hanno insegnato a scuola che fallire è una cosa negativa e se fallisci, sarai sempre l’ultimo.
Nella realtà invece non sempre funziona così: fallire e guardare ai fallimenti come una lezione ci spinge a crescere. Ci prepara a riprovare, magari con un diverso approccio. 

Non importa quante volte cadi ma quante volte ti rialzi. 

Quando compirai 30 anni capirai che i fallimenti ti hanno portato dove sei ora e se sei una persona di successo è perchè da questi hai appreso la lezione. 

Chi ha fallito molte volte è preparato al meglio per gestire il successo.

5 – I soldi non sono l’unica cosa che conta

Quando sei giovane sei molto eccitato per la libertà che il denaro ti conferisce. Ma i soldi non sono tutto. Nel mondo del business non dovremmo mettere il denaro al primo posto. 

Citando il fondatore di Nanodyr8, Adam Legas: “Siamo qui per essere un fiume e non un serbatoio, per cui facciamo del denaro uno strumento che ci aiuti a realizzare i nostri sogni. Invece di concentrarci sui soldi, pensiamo ai valori”. 

Pensa a come possiamo contribuire all’ambiente, a come possiamo interagire con gli altri per risolvere i problemi. Costruisci relazioni solide e sii grato per quelle che già possiedi.

6 – Prenditi cura del tuo corpo

Senza ombra di dubbio il tuo corpo è il mezzo che ti guiderà verso il successo. Se ti curerai del tuo corpo, anche lui si prenderà cura di te.

Molte persone quando sono giovani non comprendono come il corpo impatterà sul successo ma fidatevi che sarà proprio lui a farvelo capire. Crescendo non riusciremo più a reggere l’alcool come un tempo o non riusciremo a fumare una sigaretta senza tossire.

Prendersi cura del proprio corpo è imperativo per poter abbracciare il successo che ne consegue.

Fai esercizio fisico. Non tanto per impressionare gli amici e le amiche grazie alle calorie bruciate ma perchè dopo l’attività ti sentirai alla grande! Lo stress si riduce e la mente si attiva. Dopotutto un po’ di esercizio fisico per il tuo benessere non è una cattiva idea no?

7 – Impara a vivere con uno scopo 

Quando cresciamo ci accorgiamo che dobbiamo utilizzare sapientemente la nostra energia e il nostro tempo. Quando si è giovani invece ci sembra di poter far tutto e di vivere la vita secondo le cose che ci sono state dette di fare: vai a scuola, trova un lavoro, sposati e crea una famiglia. 

Spesso però abbiamo bisogno di una prospettiva chiara sul cosa vogliamo e sulle cose di cui abbiamo bisogno. Dire “no” e metter da parte alcune cose non è un’idea sbagliata. 

Quando si cresce ci si accorge che la vita è semplicemente fare quello che ci rende felici e trovare uno scopo al quale dedicare la nostra esistenza.

Conclusioni

Non dobbiamo essere cauti con gli errori, non preoccupiamoci quando accadono. Errare è essenziale ma imparare dallo sbaglio lo è ancor di più. Gli errori che abbiamo commesso a 20 anni, non saranno gli stessi che commettiamo a 30. 

I grandi passi fatti nella carriera lavorativa e nella vita richiedono coraggio e ci chiamano a fare quello che è necessario fare. Gli errori commessi in passato diventano una bussola in grado di farci prendere le giuste decisioni.

Se dovessi guardare indietro rimpiangerei le decisioni prese? NO! Sono servite come lezioni per me e mi hanno aiutato a raggiungere aspirazioni e obiettivi che avevo fissato. 

Ti consiglio di scrivere un diario. I 30 anni d’età sono un punto di svolta per la tua crescita e da lì si capirà quanto lontano andrai, per cui dovrai essere bravo a riconoscere le cose che in passato non hanno funzionato e utilizzare queste lezioni apprese per impostare i traguardi futuri.

La vita va vissuta! Credi in te stesso!

Mettiti bene in testa che i maestri hanno fallito molte più volte di quanto gli allievi non abbiano mai provato a fare. Sbagliare non è poi così negativo solo se hai la volontà di correre verso grandi traguardi con consistenza, determinazione ed elasticità. 

Ti auguro buona fortuna per il cammino che ti porterà in vetta!

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here